Post

Per tradurre il blog in modalità automatica

Ripercorrete con noi l'Europa!

52 articoli, uno per ogni settimana di passi di 365 volte Europa. Prendete una carta geografica e venite con noi: cercate i toponimi e immaginatevi il nostro cammino, seguendo le nostre suggestioni!

E preparatevi al vostro cammino leggendo il nostro Vocabolario.

B come Borraccia

Immagine
Borracce in plastica, in alluminio, in acciaio inox, in silicone . Serigrafate, griffate, colorate, grigio austero o nere. Da trail, running ed escursionismo, da bicicletta o da mettere nello zainetto per una passeggiata. Rigide e comprimibili , per bambini e per adulti, con l’ apertura larga che permette di infilare cubetti di ghiaccio, con la valvola antiperdite , con il tappo a vite . Nude o rivestite da un materiale isolante che le rende termiche.

A come Andare

Immagine
Sentiamo un friccico in pancia , le mura di casa ci stanno strette, nulla riesce a saziare il desiderio di conoscere , la noia pervade il quotidiano, la stanchezza ci spinge verso nuove passioni? Tutti sintomi che ci dicono, prepotenti, che è tempo di andare . Può essere un momento di evasione dalle esperienze quotidiane, oppure il bisogno di trovare nuovi stimoli , o anche la voglia di metterci alla prova , affrontando una nuova avventura. 

Settimana n. 52

Immagine
8 ottobre 2019 - 15 ottobre 2019 Arsia ha la tipica architettura razionalista , città mineraria costruita in un anno e mezzo in epoca fascista , su un'area bonificata. Sentieri antichi passano in boschi di alberi a terra e rami intrecciati a rovi , un percorso complicato da muraglioni di contenimento della strada, per arrivare sul colle di Barban, villaggio di poche case, fichi e ulivi .

Settimana n. 51

Immagine
1 ottobre 2019 - 7 ottobre 2019 Riprendiamo la stradina tra boschi, saliscendi, piccoli fiumi carsici, comignoli fumanti e profumo di fuochi accesi. A Modruš il paesaggio diventa bucolico, Rupečica a Donje Zagorje è sito speleologico, la cima rocciosa del Klek, quasi un gigante dormiente, fa capolino tra cime boscose, il fiume Sabljaci si allarga e diventa striscia d'acqua tra prati umidi e fangosi, popolata da cigni, aironi bianchi e cinerini, anatidi .